VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della regione Piemonte
Meteo.it
Borsa Italiana
giovedì 4 marzo 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
VercelliOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
30/11/2020 - Vercelli - Enti Locali

DICIASSETTE PERSONE DECIDONO LA FINE DEL NUOTO AGONISTICO A VERCELLI - Disabili, anziani e infanti nell'acqua fredda finchè non sarà ristrutturata Via Prati - Costo dell'operazione: 3,5 milioni di euro

DICIASSETTE PERSONE DECIDONO LA FINE DEL NUOTO AGONISTICO A VERCELLI - Disabili, anziani e infanti nell'acqua fredda finchè non sarà ristrutturata Via Prati - Costo dell'operazione: 3,5 milioni di euro

Vercelli non potrà mai più ospitare una gara di nuoto.

Non avrà più (almeno per decenni) una vasca al coperto con tribune.

Non avrà più una vasca più piccola, al coperto, con temperature dell’acqua e altezza adatta a disabili, infanti, Utenti speciali e bisognosi di elevate temperature dell’acqua di balneazione.

Lo hanno deciso: Andrea Corsaro, Tullia Babudro, Simone Boglietti Zacconi, Margherita Candeli, Donatella Demichelis, Giovanni Fortuna, Francesco Iacoi, Romano Lavarino, Gian Carlo Locarni, Martina Locca, Giorgio Malinverni, Damiano Maris, Martina Miazzone, Giorgio Pipitone, Carlo Riva Vercellotti, Jose Saggia, Pino Cannata.

Si sono opposti a questa scelta: Piero Boccalatte, Roberto Scheda, Paolo Campominosi, Andrea Conte, Maura Forte, Alberto Fragapane, Alfonsio Giorgio, Michele Cressano, Manuela Naso, Renata Torazzo.

Gli altri assenti o astenuti.

***

Ma andiamo con ordine.

Oggi, come annunciato nei giorni scorsi, il Consiglio Comunale di Vercelli che aveva, all’Ordine del Giorno, anche una sostanziosa “variazione di Bilancio”.

Di che si tratta?

Si tratta di “correggere” l’originaria previsione del Bilancio preventivo, “sistemando” alcune voci, man mano che si presentano nuove esigenze, non prevedibili.

L’esigenza di oggi era questa: chiedere un mutuo a tasso zero all’Istituto per il Credito Sportivo di Roma, affinchè mettesse a disposizione 1,4 milioni di euro rimborsabili in 20 anni, per “completare” la ristrutturazione del Centro Nuoto di Via Baratto.

Come sappiamo, il “Coperchio” voluto dalla Giunta di Maura Forte e fortemente osteggiato – nel passato mandato – da Lega e Forza Italia, ora è altrettanto fortemente voluto dalla Giunta di Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia ed il nuovo raggruppamento di “Cambiamo”, i seguaci del Governatore della Liguria Giovanni Toti.

Battaglie epiche, per scongiurare la possibilità che Vercelli fosse sfregiata e lo sport vercellese inibito per anni, con la struttura telescopica edificata cancellando la vasca grande esterna, una delle poche rimaste a otto corsie.

– Leggi qui -


***

Non che la precedente Amministrazione abbia scusanti.

E’ l’idea stessa di coprire una vasca esterna ad essere insostenibile.

Questi sono riusciti a peggiorare ancora le cose.

Come?

Semplice.

Hanno detto: non ristrutturiamo più il vecchio stabile del Centro Nuoto, ma lo buttiamo giù.

E, fin qui, potrebbe anche starci: forse conviene radere al suolo ed edificare una nuova vasca coperta, con vasca minore, tribune per le gare, e via discorrendo.

Si è sempre detto, è sempre stata una delle ipotesi ragionevoli: talvolta meglio ricostruire che ristrutturare.

In ogni caso, l’altra, il Coperchio, resta un doppione, ma tant’è, ormai il danno (quel danno) è fatto.

***

Ma no.

Oggi viene fuori la verità: buttano giù lo stabile vecchio e, al suo posto, fanno altre due vasche estive.

Possibile?

Possibile.

Non è facile, oggi, in Consiglio Comunale, fare tirare fuori il rospo all’Assessore alle piscine, Massimo Simion.

Il filmato che vediamo ricorda da vicino un remake di Amici Miei con la famosa scena della supercazzola.

Ci provano, però, i Consiglieri Paolo Campominosi, Andrea Conte, Maura Forte, Renata Torazzo e Piero Boccalatte e altri.

In maggioranza tutti muti e rassegnati.

Tra le fila delle forze politiche che si sono prese una responsabilità del genere è forte il disagio, molti non sono d’accordo.

Ma se non fossero stati d’accordo non avrebbero dovuto fare altro che votare contro.

O, meglio ancora, discutere in maggioranza fino a prendere decisioni più serie.

Se hanno deciso di piegarsi sono fatti loro.

Sapranno loro perché.

E’ una questione che non appassiona nessuno.

Men che meno quelli che non potranno più fare una gara di nuoto.

Perché non potranno?

Semplice.

Sotto il Coperchio non c’è spazio per una tribuna.

Senza tribune non è possibile ospitare nessuna manifestazione agonistica, nemmeno i Giochi della Gioventù.

***

Sotto il Coperchio non ci sarà nemmeno la vasca minore, per bambini, disabili, persone in attività fisica adattata.

Immaginare che queste categorie di Utenti potranno andare comunque nella vasca grande è semplicemente un’affermazione da fantasisti.

Certo che potranno andare.

Ma a quale temperatura dell’acqua di balneazione?

Nell’unica vasca sotto il coperchio l’acqua sarà tenuta per tutti – per esempio - a 32 gradi?

I fantasisti hanno una risposta pronta per tutto e talvolta le gag possono far ridere, come rideva il Franti: dove lo mando un bambino autistico?

Ma lo mando nella vasca a 28 gradi, sai che sorpresa!

E la Signora anziana che fa un po’ di riabilitazione?

Sempre nell’acqua a 28 gradi, sai come si tonifica?!

Gag da fantasisti.

Il Franti sorriderebbe.

Ma nemmeno Edmondo De Amicis avrebbe potuto immaginare che tutto ciò potesse costare 3 milioni e mezzo di euro.

Come i Consiglieri Tullia Babudro, Simone Boglietti Zacconi, Margherita Candeli, Donatella Demichelis, Giovanni Fortuna, Francesco Iacoi, Romano Lavarino, Gian Carlo Locarni, Martina Locca, Giorgio Malinverni, Damiano Maris, Martina Miazzone, Giorgio Pipitone, Carlo Riva Vercellotti, Jose Saggia, Pino Cannata mostrano di condividere.

Condividere nel merito e dal punto di vista della responsabilità nei confronti dei cittadini.

***

Per oggi finisce qui.

Il deprimente filmato che pubblichiamo in questa pagina dice molto.

Per una volta, al Sagace Simion non si può imputare più di tanto.

Attacca l’asino dove vuole il padrone.

Dicono i bene informati che la scelta di abbattere e fare solo vasche esterne sia fortemente voluta dal Primo Cittadino.

Il resto si potrà venire a sapere quando sarà pronto il progetto vero e proprio di queste vasche esterne nuove fiammanti, in un territorio che ne ha già, nel raggio di 15 chilometri, altre 14.

Quattoridici, più due, sedici.

***

Nel 2013, 18 dicembre, la Giunta di Andrea Corsaro II aveva proposto al Consiglio Comunale

– leggi qui -


di ristrutturare il vecchio stabile con un project financing di 500 mila euro.

E, al netto della spesa per la bonifica dell’amianto, la previsione di spesa sarebbe anche stata congrua.

***

Oggi, le prime somme sono queste.

Si sono spesi 2 milioni di euro per il Coperchio.

Altri 1,4 milioni di euro per abbattere il vecchio stabile e per realizzare le due vasche estive.

Quasi tre milioni e mezzo di euro per non fare più gare, non avere più nemmeno una vasca coperta per i bambini e disabili.

Poi, dicono che ristruttureranno Via Prati.

Un passo avanti, rispetto alla Giunta Corsaro II che aveva pensato di abbatterla perché “i muri erano vecchi” ed anche rispetto alla Giunta di Maura Forte, che la pensava nello stesso modo.

Si vedrà quando e si vedrà a che prezzo.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
PieomonteOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@piemonteoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it