VercelliOggi.it
Il primo quotidiano on line della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
21 May 2018 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
VercelliOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
13/05/2018 - Vercelli - Società e Costume

ETICA PER LE ISTITUZIONI, LA QUESTURA DI VERCELLI CONCLUDE IN BELLEZZA IL CICLO DI INCONTRI - Formazione di alto profilo, con relatori di esperienza internazionale

ETICA PER LE ISTITUZIONI, LA QUESTURA DI VERCELLI CONCLUDE IN BELLEZZA IL CICLO DI INCONTRI - Formazione di alto profilo, con relatori di esperienza internazionale

La Questura di Vercelli ha concluso l’ultimo incontro del ciclo di attività seminariali e formative sul tema “Etica per le Istituzioni.


Lineamenti preliminari: modelli di leadership, corruzione, tortura in prospettiva etico-pubblica”, promosso in collaborazione con la Scuola Superiore Sant’Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento di Pisa.


Numerose le Autorità cittadine e quelle provenienti da tutto il Piemonte che hanno partecipato all’evento, organizzato nella prestigiosa cornice della Sala Conferenze della Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli, insieme ad una ventina di iscritti all’Ordine dei Giornalisti, che ha ritenuto la tematica di interesse  e di approfondimento generale, tanto da inserirla come appuntamento nella formazione continua del Piano Offerta Formativa.

Il Prefetto Filippo Dispenza, Direttore Centrale Affari Generali, ha salutato gli ospiti a nome del  Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, Prefetto Franco Gabrielli, che aveva inaugurato il 18 gennaio scorso le attività nel Convegno svoltosi al Museo Borgogna.

L’incontro, svoltosi la mattina di sabato 12 maggio 2018, ha affrontato il  tema Interpretare la leadership: diversità, stereotipi, linguaggio secondo un’ottica di genere, con particolare accento ad una riflessione multidisciplinare sulla leadership femminile e alla definizione preliminare dei vincoli cognitivi e resistenze emotive diffuse entro i contesti simbolici e materiali in cui viene svolta, da uomini e donne, una professione tradizionalmente maschile, cercando di identificare nella loro genesi e struttura gli ostacoli occulti che ritardano l’emergere di una condizione paritaria rispetto al genere nella gestione del potere (sia nel senso del nesso comando/obbedienza, sia nel significato di agire in concerto) nei contesti lavorativi.

Nella mattinata è stata analizzata l’importanza del linguaggio che non riconosce la presenza delle donne, che ne dà un’immagine stereotipata, legata a modelli culturali del passato, spia di una cultura che resiste al cambiamento e rischia di diventare intollerante, spianando la strada alla violenza di genere. Conoscere la funzione del linguaggio per la costruzione dell’identità di genere, è condizione indispensabile per la formazione di una cittadinanza democratica e di uno spazio pubblico inclusivo, capace di accogliere tutte le differenze, da quella di genere a quella culturale, linguistica, di orientamento sessuale, senza trasformarle in diversità. 

Sul tema dell’Organizzazione, comunicazione e leadership è stato chiarito che la mission della Pubblica Amministrazione consiste prioritariamente nel porsi al servizio del pubblico e, dopo un’analisi del modello di leadership basato su competenze individuali scalari, competenze adeguate per specifici ruoli, si è passati ai casi concreti di verifica della “chiave del potenziale ed i tratti della personalità” e dei percorsi di sviluppo della leadership al femminile.

 

Come già avvenuto nei precedenti incontri, Chairman della giornata è stato il Prof. Alberto Pirni che ha introdotto gli interventi della Prof.ssa Barbara Henry, della Prof.ssa Cecilia Robustelli, del Prof. GianLuigi  Bulsei e del dott. Mario Pellizzari.

 

Barbara Henry è ordinaria di Filosofia Politica presso la Scuola Superiore Sant'Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento (Pisa). Attualmente dirige il laboratorio di ricerca Global Security and Human Rights e coordina il PhD in Human Rights and Global Politics presso l’Istituto di Diritto, Politica e Sviluppo della Scuola Superiore Sant’Anna. Ha svolto ricerca presso l’Università di Bochum, del Saarland, di Erlangen-Nürnberg, di Lucerna, di Monaco, di Pechino, e presso la Humboldt di Berlino; ha tenuto corsi presso l’Università di Francoforte sul Meno e l’Università Ludwig di Monaco. I suoi principali temi ed interessi di ricerca sono: filosofia classica tedesca, miti e simboli politici ed immaginario contemporaneo, totalitarismo, studi ebraici, identità politica e culturale, tolleranza, multiculturalismo e interculturalità, globalizzazione politica, gender issues, filosofia della tecnologia.

Ha pubblicato su E. Cassirer, H. Arendt, M. Heidegger, E. Jünger. Ha tradotto le Aggiunte di Eduard Gans ai Lineamenti della Filosofia del diritto di Hegel. Ha coordinato il PhD Course in Politics, Human Rights, and Sustainability presso la stessa istituzione ed è stata la prima direttrice italiana dell’Istituto Confucio di Pisa.

È stata co-coordinatrice, in collaborazione con la SIS (Scuola di Studi Internazionali) dell’Università di Trento, del Master of Arts in International Security Studies (MISS). Ha fatto parte dello Scientific Board della rivista «European Journal of Social Theory» ed è componente del Comitato Scientifico della rivista di Fascia A «Politica e società»; ha diretto unità locali di svariati Progetti di Rilevante Interesse Nazionale (PRIN – MIUR).

 

Cecilia Robustelli è professore associato di Linguistica italiana presso Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali della Facoltà di Lettere dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Dopo la laurea in linguistica presso l’Università di Pisa, ha compiuto la Scuola di Perfezionamento in Scienze Linguistiche, quindi in Linguistica computazionale (CNR di Pisa). Ha svolto a più riprese periodi di ricerca presso numerose Università e Istituti di ricerca in Germania, Gran Bretagna, USA. Si è occupata di Teorie e modelli di descrizione della grammatica; Storia della grammatica ed elaborazione della norma dell’italiano nel Cinque e nel Seicento, Politica linguistica europea / ruolo dell'italiano nelle istituzioni della Ue, Lingua e genere nella comunicazione quotidiana e istituzionale.

È componente del Gruppo Esperti del linguaggio e del Comitato Tecnico del Progetto Creative (Changing Relationships through Educationa and Awareness Towards endIng Violence against womEn) presso il MIUR, dove fa anche parte del Tavolo tecnico per l’elaborazione delle Linee Guida per l’attuazione del comma 16 art. 1 della legge 107/2015 La Buona Scuola. Tra i più recenti sviluppi di quest’ambito di ricerca si colloca lo studio del rapporto fra linguaggio e genere nel campo della robotica. Si tratta di un nuovo filone di ricerche, che prende innanzitutto in esame il processo di rielaborazione (Natural Language Processing, NLP) subito dal linguaggio naturale per realizzare la comunicazione tra esseri umani e macchine, che beneficia dei contatti con la Scuola Superiore Sant’Anna. Tra le sue più recenti pubblicazioni: Il “Linguaggio di genere” nell’informazione sulle donne, in Genere femminile e media, Camera dei Deputati, Roma, 2017, vol. 179; Uguaglianza nella differenza: “genere”, linguaggio comune e linguaggio giuridico, in Acciò che ‘l nostro dire sia più chiaro. Studi in onore di Nicoletta Maraschio, Accademia della Crusca, Firenze 2017.

 

Alberto Pirni, ricercatore e professore aggregato di Etica Pubblica presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento di Pisa, presso la quale insegna anche “Etica delle relazioni di cura”, “Etica ed economia” ed “Ethics of Security”; coordinatore dell’Area di Ricerca in Etica Pubblica dell’Istituto di Diritto, Politica e Sviluppo della Scuola Superiore Sant’Anna e professore a contratto di “Etica Pubblica” presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore (Milano). E’ stato borsista presso le Università di Tübingen e Freiburg e più volte contrattista presso l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (Napoli). Più volte profesor visitante presso l’Universidad Autónoma de Madrid (Spagna), è stato visiting professor presso l’Universität Vechta (Germania); presso la Saint Petersburg State University (Federazione Russa) e presso la Federal University of Santa Catarina (UFSC) – Florianópolis (Brasile); presso l’Universidad Nacional de Rosario, l’Universidad Nacional de La Plata e l’Universidad de Buenos Aires (Argentina)

 

Gian-Luigi Bulsei insegna Sociologia applicata e Comunicazione e partecipazione al Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università del Piemonte Orientale, dove coordina il Centro di Ricerca Interdisciplinare sulle Società Locali; è inoltre Delegato di Ateneo per il non profit e l’economia civile. I suoi interessi di ricerca riguardano l’innovazione tecnologica e sociale, la sostenibilità ambientale, le comunità e le amministrazioni locali, la salute e la partecipazione dei cittadini alle decisioni pubbliche; temi sui quali ha realizzato oltre cinquanta pubblicazioni scientifiche ed altrettante a carattere didattico o divulgativo. Tra le più recenti: (2016), Essere comunità in condizioni avverse, in “Sociologia urbana e rurale”, n. 110; (2017), La scienza utile. Expertise e partecipazione nelle decisioni pubbliche, in “Biblioteca della libertà”, n. 219, Centro Einaudi, Torino; (2018), Cos’altro sono le città se non persone? Economia sociale e innovazione urbana (in corso di pubblicazione).

 

Mario Pellizzari, nell’ufficio italiano di Egon Zehnder dal 2007, svolge attività di consulenza sui Consigli di Amministrazione, sui Management Appraisal e sull’Executive Search per clienti nel settore delle Istituzioni Finanziarie (Banking e Asset Management) e Real Estate.

Mario ha iniziato la sua carriera come Internal Auditor nel gruppo siderurgico AFV Beltrame e, successivamente al conseguimento del Master, è stato assunto in The Boston Consulting Group focalizzandosi nei settori dei Servizi e Industriale.

Prima di entrare in Egon Zehnder, Mario ha trascorso altri quattro anni nella Consulenza Strategica, quale Engagement Manager nell’ambito delle Istituzioni Finanziarie in McKinsey & Company.

 

 

 

 

 

 

PiemonteOggi.it - Network ©
Iscrizione R.O.C. n° 23836 - Data ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2014 - Online dal 1 giugno 2009 - Direttore responsabile: Guido Gabotto
Editrice: "PIEMONTE OGGI SRL" - P.I./C.F. 02547750022 - Via F. Petrarca 39 - Vercelli - Tel. 0161 502068 - Fax 0161 260982
Mail: info@biellaoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.a.s - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it