VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della regione Piemonte
Meteo.it
Borsa Italiana
martedì 7 luglio 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
VercelliOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
15/09/2010 - Asti - Cronaca

OPERAZIONE "NO SMOKING" - I Carabinieri di Alba sgominano banda di romeni che derubava in tutto il Piemonte distributori automatici di sigarette e sale bingo

OPERAZIONE "NO SMOKING" - I Carabinieri di Alba sgominano banda di romeni che derubava in tutto il Piemonte distributori automatici di sigarette e sale bingo
I Carabinieri impegnati nell’operazione

E’ stata denominata operazione No Smoking quella condotta dai Carabinieri della Compagnia di Alba che hanno assicurato alla giustizia una banda di tre romeni dedita al furto delle sigarette contenute nei distributori automatici installati all’esterno di alcune tabaccherie in varie zone del Piemonte mediante l’uso di un sofisticato congegno elettronico in loro possesso che, agendo sul software dei self service, costringeva le macchine distributrici a consegnargli tutte le sigarette in esse contenute in un'unica soluzione senza riceverne un solo centesimo di euro in pagamento.



 L’indagine dei Carabinieri di Alba era iniziata la notte del 27 luglio scorso quando “i soliti ignoti” avevano preso di mira un distributore automatico di sigarette all’esterno di una tabaccheria sita in città e, nel giro di pochi minuti, lo avevano completamente svuotato riuscendo a portar via circa 2.000,00 euro di pacchetti di sigarette. Quella notte però faceva molto caldo ed il tabaccaio, che abita proprio sopra il suo negozio dotato anche di un impianto di video-sorveglianza, affacciatosi al balcone di casa vide una Fiat Marea familiare con tre giovani a bordo allontanarsi a gran velocità verso la periferia ed insospettitosi scese in tabaccheria accorgendosi che il self service era stato svuotato delle sigarette senza che vi fosse alcun segno di effrazione.


 Sul posto arrivavano subito i militari che raccoglievano la denuncia dell’esercente vittima dello strano furto di sigarette ed acquisivano i filmati registrati dalle telecamere esterne alla tabaccheria analizzando i quali riuscivano ad individuare il romeno che usava la Fiat Marea, il 40enne disoccupato e pregiudicato Varzarus Cristian, residente a Robassomero (To) ma dimorante con moglie e figli a Palazzolo Vercellese (VC). Seguendo le sue mosse per sei settimane i Carabinieri di Alba riuscivano ad identificare gli altri due complici: i connazionali Roman Costel di 45 anni abitante a Robassomero ed il 20enne Aldea Adrian residente a Torino nei pressi di Corso Grosseto, anche loro disoccupati e con precedenti penali specifici per reati contro il patrimonio.


La banda, pochi giorni dopo aver colpito ad Alba, metteva a segno un furto notturno di sigarette analogo ad una tabaccheria di Trino (Vc), anche in questo caso veniva svuotato il distributore automatico dell’intero contenuto senza alcun segno di effrazione, con un danno di poco superiore ai 2.000,00 euro.


I tre, a bordo della stessa auto ed agendo sempre insieme, grazie alla disponibilità del congegno elettronico “miracoloso” in loro possesso, prendevano di mira altri distributori automatici di sigarette dislocati a Torino, Chieri (To), Chivasso (To), Vercelli ed Asti, impossessandosi però solo di alcune decine di pacchetti di sigarette per volta al fine di non essere subito scoperti dai titolari delle tabaccherie derubate e non solo. I Carabinieri di Alba infatti li vedevano entrare in alcune Sale Bingo di Milano o sale giochi di Asti e provincia dalle cui slot-machine, sempre con lo stesso congegno elettronico, riuscivano ad impossessarsi di piccole somme di danaro contante che poi rigiocavano sino a vincere cifre più cospicue, ovviamente senza che i gestori si accorgessero del trucco.


La “cuccagna” per i tre romeni è finita l’altra sera quando i Carabinieri della Compagnia di Alba - in collaborazione con i militari del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Cuneo - li hanno arrestati notificando loro l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Alba per i reati di concorso in furto aggravato e continuato e li hanno poi associati alle carceri delle Vallette di Torino e Vercelli.


 Il provvedimento cautelare è stato adottato dal Giudice, su richiesta del Pubblico Ministero Dott.ssa Donatella Masia, in base alle risultanze investigative acquisite dai Carabinieri di Alba che, nell’arco di un mese e mezzo di indagini serrate partite all’indomani del furto di sigarette verificatosi in città e continui pedinamenti del terzetto tra Piemonte e Lombardia, hanno raccolto a loro carico un quadro probatorio tale da consentirne la cattura.        


                 


 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
PieomonteOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@piemonteoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it