VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della regione Piemonte
Meteo.it
Borsa Italiana
sabato 15 agosto 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
VercelliOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
30/11/2011 - Torino - Economia

TORINO - “Piemonte Anteprima Vendemmia” - Punte di eccellenza per l’annata 2011

TORINO - “Piemonte Anteprima Vendemmia” -  Punte di eccellenza per l’annata 2011
La vendemmia



“Un’ottima annata”: gli Stati Generali del vino piemontese, riuniti – in omaggio ai 150 anni dell’Unità d’Italia – ai Giardini della Reggia di Venaria (TO) il 25 novembre scorso, hanno espresso un giudizio unanime sulla vendemmia 2011, promuovendola a pieni voti. Nonostante le preoccupazioni estive dovute alla bolla di caldo africano che aveva tenuto tutti i viticoltori in grande apprensione, la qualità delle uve raccolte quest’anno è stata ottima, con punte di eccellenza per i vitigni barbera, brachetto, cortese (specie nella zona di Gavi), freisa, grignolino e moscato. A certificarlo, come ogni anno, è la pubblicazione della Vignaioli Piemontesi che fornisce dati e analisi dell’annata in corso, presentata a una platea decisamente nutrita e competente.


Ad aprire i lavori Claudio Sacchetto, assessore all’Agricoltura della Regione Piemonte: «Con soddisfazione commentiamo la forte crescita del settore vitivinicolo, in controtendenza rispetto al 2009 e a parte del 2010: la produzione è diminuita del 12,6% (dai 46mila ettari di vigneti sono stati ricavati poco più di 2,6 milioni di ettolitri di vino) ma l’andamento positivo delle vendite, e delle esportazioni in particolare, ci ha consentito di tornare ai livelli pre-crisi».


Risultato che è frutto anche del grande lavoro compiuto a livello di promozione in tutto il mondo, reso possibile dai finanziamenti dell’Ocm Vino, come ricordato dal presidente della Vignaioli Piemontesi Giulio Porzio: «I fondi disponibili per le attività promozionali del Piemonte sono passati dai 700mila euro del 2009 a 24milioni di euro per il 2012, passando per i 6milioni del 2010 e i 17milioni del 2011: una tendenza in crescita, che testimonia l’importanza dei fondi a disposizione del settore. Ciononostante, il mondo vinicolo regionale sta andando sì meglio, ma non ha ancora visto la luce in fondo al tunnel».


Passando a un’analisi più dettagliata di questa vendemmia Gianluigi Biestro, direttore della Vignaioli Piemontesi, ha tracciato un quadro generale dell’annata, a partire da un commento sulle stagioni: inverno freddo e scarsamente nevoso; primavera inizialmente piovosa, poi mite e asciutta; estate subito fresca, ma decisamente calda dalla seconda metà di agosto, e autunno caldo e secco. Piogge nella media, con un forte temporale il 4 settembre, che ha portato grandi benefici a tutti i vitigni, e al nebbiolo in particolare, più che mai bisognoso di acqua. Quanto alle fasi enologiche, trovando un aggettivo per ciascuna, Biestro le ha così commentate: “Germogliamento nella norma, fioritura e allegagione anticipate, invaiatura di lunga durata e vendemmia anticipata. Pochi i trattamenti, vista l’assenza di particolari problemi fitosanitari”.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
PieomonteOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@piemonteoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it