VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della regione Piemonte
Meteo.it
Borsa Italiana
giovedì 13 agosto 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
VercelliOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
18/11/2011 - Torino - Cronaca

TORINO - “Una sanità d’eccellenza diffusa sul territorio” - Pedrale spiega il Piano Socio Sanitario Regionale 2011-2015

TORINO - “Una sanità d’eccellenza diffusa sul territorio” - Pedrale spiega il Piano Socio Sanitario Regionale 2011-2015
Il presidente del gruppo consiliare regionale del Pdl, Luca Pedrale

«Gli aridi numeri del bilancio regionale, uniti alla notevole riduzione dei trasferimenti statali, impongono drastici tagli in pressoché tutti i settori. Quello della sanità e dell’assistenza è un comparto che assorbe, da solo, la maggior parte delle risorse. Ma rappresenta anche un settore troppo delicato per essere affrontato utilizzando soltanto le dure leggi della matematica. Si è quindi resa necessaria una profonda revisione del sistema sanitario regionale, che mediante la riorganizzazione dei servizi possa da un lato garantire l’abbattimento dei costi, e dall’altro consenta alla sanità piemontese di mantenere e addirittura migliorare il livello di eccellenza che la contraddistingue».



Con queste parole il presidente del gruppo consiliare regionale del Pdl, Luca Pedrale, che è anche componente della Commissione Sanità, commenta la strategia alla base del Piano Socio Sanitario Regionale 2011-2013, illustrata ieri mattina, giovedì 17 novembre 2011, durante l’audizione della Commissione aperta agli amministratori e agli operatori sanitari dalla Commissione Sanità, nell’ambito di un percorso che toccherà tutte le province piemontesi.


«La sanità che vogliamo – spiega Pedrale – è una sanità diffusa sul territorio, più organizzata, più efficiente e con più servizi. E complessivamente il Piano Socio Sanitario Regionale presentato oggi è stato accolto positivamente da sindacati e associazioni, che hanno riconosciuto la necessità di procedere a una razionalizzazione del sistema per far fronte al difficile momento economico».


«Per evitare l’intasamento dei grandi ospedali e l’impoverimento degli ospedali di piccolo e medio livello, che rappresentano il punto di riferimento fondamentale per migliaia di piemontesi – prosegue il presidente del Pdl – si è proceduto alla definizione di tre categorie di ospedali: gli ospedali d’eccellenza o di riferimento, detti anche hub; gli ospedali cardine, di medio livello, i piccoli ospedali di contiguità. Negli ospedali di riferimento dovranno essere eseguiti gli interventi di alta elezione e molto complessi e dovranno essere curate le patologie molto difficili. Questi presidi dovranno essere un po’ come le corazzate della sanità piemontese, e il loro compito prioritario sarà quello di contrastare e ridurre la mobilità passiva dei pazienti verso le altre Regioni. Negli ospedali cardine dovranno essere eseguite attività e interventi di livello medio-basso per complessità e necessità di attrezzature tecnologiche, che sono i più numerosi, e nel caso siano geograficamente molto vicini dovranno differenziare le proprie prestazioni, evitando di diventare inutili doppioni. Negli ospedali di contiguità si svolgeranno invece l’assistenza sanitaria post-acuzie, le fasi finali della convalescenza, la riabilitazione e le visite specialistiche con dei medici che arriveranno dagli ospedali cardine».


«L’obiettivo di questa nuova impostazione – precisa l’esponente del Pdl – è innanzitutto favorire la specializzazione, oltre a quella di evitare che gli ospedali si occupino tutti delle stesse cose. E’ infatti più che giusto che alle Molinette di Torino si eseguano i trapianti, ma è meno logico che in questo stesso ospedale vengano praticate le operazioni di cataratta, di appendicite o alle tonsille».


«Un elemento molto importante da sottolineare – conclude Pedrale – è che la cassaforte finanziaria del sistema sanitario sarà in mano alle Asl territoriali. Sarà quindi l’Asl a pagare le prestazioni negli ospedali e a decidere dove mandare i propri ammalati, se nell’Ospedale di Vercelli o in quello di Novara o in quello di Torino».

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
PieomonteOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@piemonteoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it