VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della regione Piemonte
Meteo.it
Borsa Italiana
domenica 31 maggio 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
VercelliOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
15/12/2019 - Vercelli - Enti Locali

TRIPPA PER I GATTI / 593 - Dalle tasche dei vercellesi sono usciti cinque milioni di euro per avere 120 parcheggi - Un conto salato di cui nessuno risponderà mai

TRIPPA PER I GATTI / 593 - Dalle tasche dei vercellesi sono usciti cinque milioni di euro per avere 120 parcheggi - Un conto salato di cui nessuno risponderà mai
A quando l'inaugurazione dei parcheggi di Via Derna?

Joseph Conrad lo scriveva cento anni fa in Linea d'ombra: “si va avanti allegri e frementi riconoscendo le orme di chi ci ha preceduto, accogliendo il bene e il male, la variopinta sorte comune che offre tante possibilità a chi le merita o ha fortuna”.

Più tardi l’avrebbe ripetuto Matteo Renzi concludendo un’importante Assemblea Nazionale del Pd.

Chissà se loro ci hanno pensato, quando hanno inaugurato il parcheggio di Corso Fiume, per preparasi qualcosa da dire al taglio del nastro in quello di Via Derna.

E’ imminente – così sembra dallo stato avanzamento dei lavori, documento nella illustrazione – l’apertura del parcheggio che copre il “buco” dal quale è stato prima dissepolto, poi portato a Torino quel che restava dell’antico Opificio risalente ad epoca romana.

Trafugato da tombaroli?

No, trasferito nei magazzini della Soprintendenza ai Beni Culturali.

Ma andiamo con ordine.

***

Sappiamo che su quel sedime si sarebbe dovuto costruire il Museo dello Sport.

Non fu difficile intuire subito che l’opera si presentasse come diversamente utile, rivaleggiando con quella “gemella”, la Risoteca di Via Tasso: quest’ultima ospitata nel restaurato (e ridiamo) edificio dell’Ex Enal.

Sicchè i primi articoli di VercelliOggi.it colsero la sintonia con il pensiero di vasta parte dell’opinione pubblica: ribattezzando l’opera come il “Mausoleo” dello Sport, suscettibile di diventare la tomba (politica, per carità) dell’Amministrazione, la seconda, di Andrea Corsaro.

***

L’articolo del 10 settembre 2013 dice molto: si può rileggere tra le notizie collegate, in alto nella pagina.

Dice, tra l’altro, di una ferma presa di posizione del Pd, per bocca del Segretario Provinciale Maura Forte e del Parlamentare Luigi Bobba, il quale addirittura presentò un’interrogazione parlamentare per impedire la distruzione delle vestigia romane.

***

Sappiamo poi come andarono le cose.

I lavori andarono avanti per qualche tempo (tra l’altro, con la demolizione della sede storica della Pro Vercelli) e costarono – a stato d’avanzamento – 2.500.000.= euro.

E sono i primi.

***

Poi, s’incagliarono (tra l’altro per la “sorpresa” di trovarsi con reperti archeologici) ed il Comune perse la causa intentata dall’Impresa appaltatrice delle opere: altri 1.300.000 euro.

***

Ma – nel frattempo – si era contratto un mutuo per pagare l’intero importo dell’opera e, per sette anni, si pagarono le rate, cumulando il costo pedissequo di circa 900.000 euro per interessi passivi.

***

Tutto ciò sotto la seconda Giunta del Sindaco Andrea Corsaro.

***

La (prima?) Giunta del Sindaco Maura Forte che, a giudicare dalle posizioni del Pd del 2013, ci si aspettava buttasse tutto a mare (Risoteca e Mausoleo) resta invece come folgorata e ci ripensa.

Un po’ come – a parti invertite – è successo ora con la nuova maggioranza di Centrodestra a proposito del Coperchio al Centro Nuoto.

Quando sono all’opposizione si indignano, quando arrivano al governo si adeguano.

A quello che dice chi?

Nel caso del Mausoleo, a quello che diceva Liliana.

***

Perché gli Amministratori vanno e vengono, si prendono eventualmente le palate di guano sulla faccia, fino a perdere il posto, ma i Tecnici palatini (che, in fondo, sono poi quelli che comandano) non si toccano mai.

Lo spoil system non è cosa per noi.

Anche perché, il consociativismo tra maggioranza e minoranza, in fondo, è una vecchia storia.

***

Soltanto (correva l’anno 2014) SiAmoVercelli diceva che si dovesse rinunciare al Mausoleo e ricollocare quelle somme per una ristrutturazione decorosa delle piscine comunali.

Si era nel 2014 ed il tempo ci sarebbe stato tutto.

Ma si udirono – all’indirizzo dei SiAmo – le cose più fantasiose.

Persino che Alberto Perfumo non volesse il Mega Palazzetto progettato come “guscio” (ahi!) del Museo dello Sport perché avrebbe tolto la visuale a casa sua, che è proprio lì di fronte.

Quando si dice che al peggio non c’è limite.

***

Ma le cose finirono male, come si sa e, quindi, infine Perfumo (e non certo perché l’abbia voluto lui, né abbia gufato) ora, affacciandosi alla finestra della sua elegante palazzina, può godersi la vista di una spianata adibita a parcheggio.

***

I lavori di realizzazione del parcheggio, poi, sono costati 400 mila euro.

***

Proviamo a fare i conti?

Proviamo: 2.500.000 (lavori eseguiti e pagati) + 1.300.000 (penali risoluzione contrattuale) + 900.000 (interessi) + 400.000 (realizzazione parcheggi) = euro 5.100.000.= .

***

A questo costo si aggiunga il danno causato dalla distruzione e privazione delle vestigia dell’Opificio Romano.

Circostanza che rende monca qualsiasi ipotesi di valorizzazione di circuiti storico archeologici della città.

***

Quanti sono gli stalli dei nuovi parcheggi?

Sono 120 posti per le auto e 15 per le moto.

Diciamo che fa qualcosa come 42 mila euro a stallo.

Come un minialloggio.

A chi dire grazie per questo bel risultato?

Andrea e Liliana, quando si taglierà questo nastro, forse qualche parola di spiegazione la vorranno favorire.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
PieomonteOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@piemonteoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it