VercelliOggi.it
Il primo quotidiano on line della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
22 November 2017 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
VercelliOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
14/03/2017 - Vercelli - La Posta

VERCELLI - La Lega Nord attacca Bassini sulla raccolta differenziata - Dice tutto e il contrario di tutto

VERCELLI - La Lega Nord attacca Bassini sulla raccolta differenziata - Dice tutto e il contrario di tutto

Apprendendo le affermazioni dell’Assessore all’ambiente Remo Bassini, apparse ieri su un quotidiano locale, dobbiamo porre alcuni interrogativi e soprattutto fare alcune considerazioni.

Oramai basiti non riusciamo più a comprendere se chi deve amministrare la città pecchi di incompetenza amministrativa  o, ancora peggio, semplicemente giochi a “prendere in giro” i vercellesi con slogan propagandistici.

In primo luogo lo stesso afferma che “prima del suo arrivo era una contrattazione continua con Atena sul servizio” e anche noi non possiamo che confermare quanto afferma perché abbiamo chiesto recentemente di consultare la documentazione e (ops) tutti i disciplinari tecnici (che stabiliscono chi deve fare cosa) erano mancanti anche se dichiarati come “parte integrante e sostanziale del contratto”.

Poi l’assessore afferma che ora “sa che ogni giorno lavorano in città 47 operatori di Atena a cui si aggiungono 10 persone della cooperativa?”

Ma come? Il piano finanziario di Atena allegato alla delibera  parlava di 38 unità impiegate.

E poi perché si parla di 10 dipendenti della cooperativa?

A seguito dell’accesso agli atti fatto dal nostro consigliere Alessandro Stecco Atena ha dichiarato che al momento “non ha in essere rapporti di sub appalto”....

Com’è possibile che lavori una cooperativa se il soggetto (Atena) che ha la gestione dei servizi di igiene urbana dichiara di non aver sub appalti in corso? Assessore vorrà mica dirci che il Comune oltre ad affidare il servizio ad Atena, la nostra municipalizzata, ha fatto qualche ulteriore affidamento ad una cooperativa?

Sarebbe strano in quanto da contratto tutti i servizi di igiene urbana  sono inclusi nell’affidamento ad Atena...

Poi l’assessore continua e afferma che “Purtroppo la vendita della materia prima seconda è quasi nulla”…. Assessore ma sa cosa dice o dice tanto per dire????

A fronte di tale dichiarazione non sappiamo più davvero cosa credere, la materia prima/seconda non è altro che il rifiuto riciclabile che tutti i giorni i cittadini e le imprese vercellesi differenziano…e i contributi dei consorzi di filiera sono tutt’altro che nulli...

Comieco riconosce per il cartone quasi 100€ a Tonnellata, mentre per la carta riconosce circa 50 € a tonnellata, Corepla per la plastica corrisponde 303 € a tonnellata ma diciamo pure 200 € (e stiamo bassi) per via di impurità e costi di pulizia, Coreve per il vetro (per stare bassi) circa 13 € a tonnellata e non contiamo i contributi del Consorzio Cobat per pile e batterie e del Consorzio CDC per i RAEE….diciamo che questi sono bassi per non infierire.

Ma tutti gli altri cosa fanno? Cosa portano nelle casse del Comune o di Atena?

Secondo i dati del 2016 del comune di Vercelli pubblicati dal Consorzio Covevar la nostra città ha prodotto:

1.727 tonnellate di cartone per un equivalente contributo pari a € 172.700

1.577 tonnellate di plastica per un equivalente contributo pari a € 315.432

2.026 tonnellate di vetro per un equivalente contributo pari a € 26.338

2.148 tonnellate di carta per un equivalente contributo pari a € 107.400

Il tutto per un totale pari a € 621.870 che (guarda un po’) corrisponde a circa il 7% sul totale del nuovo costo di raccolta rifiuti.

Ma la domanda è un'altra.

Assessore ma per lei più di 600.000€, ammesso che lo sappia, di contributo corrisponde “quasi a nulla”???

Ma la nostra analisi vuole andare ancora più a fondo ed evidenziare agli ignari (e forse presi in giro) cittadini vercellesi anche altre questioni.

L’Assessore nell’intervista afferma che il nuovo servizio di porta a porta spinto creerà un aumento di costi per il 2017 di 336.000 € (per due soli mesi di nuovo servizio) e nel 2018 un ulteriore aumento pari ad € 721.000, corrispondente al servizio a regime.

L’assessore però oltre ad anticipare i maggiori costi afferma altresì che: “meno indifferenziato in discarica meno tasse per i cittadini”…. Che bello.

Il nuovo servizio costerà di più ma (se) funzionerà meglio e alla fine ci farà risparmiare.

Ma siamo sicuri? Noi riteniamo che sia un’altra presa in giro.

Attualmente il Comune di Vercelli (dati Covevar) ha prodotto nel 2016 circa 6.857 tonnellate di rifiuti indifferenziati che sono costati circa (assumendo 108€/ton la tariffa di smaltimento a Cavaglià) € 740.000.

Secondo le ripetute dichiarazioni pubbliche il comune di Vercelli avrebbe (ma non è vero anche questo) raggiunto la soglia del 70% di raccolta differenziata e, quindi, possiamo dire che il 30% va in discarica.

Se ipotizziamo quindi di ridurre di un ulteriore 10% il rifiuto indifferenziato ciò vuol dire che il comune risparmierebbe circa 67.000 € a fronte di un aumento del costo del servizio superiore ai 700.000 € con un saldo negativo (sulla nostra pelle) di € 650.000 circa… ma tanto basta aumentare la TARI.

Insomma, il sacco conforme al rione Cappuccini ha creato un aumento di sacchi neri abbandonati e nonostante ciò vogliamo introdurlo in tutta la città, i contributi sono pressoché nulli ed invece sono superiori a 600.000€, la nuova raccolta ci farà risparmiare ed invece ci sarà un aumento (se funzionerà) di almeno 650.000 € al netto del risparmio per il (presunto) minor conferimento in discarica.

Noi come Lega Nord riteniamo che le strade da intraprendere siano altre, magari più simili a quelle dei nostri (puliti ed ordinati) comuni Valsesiani guidati dal nostro movimento.

E come cittadini a fronte delle sue dichiarazioni (errate o menzognere poco importa) riteniamo che sia atto di responsabilità rimettere il suo (costoso quanto improduttivo) mandato da assessore, magari portandosi dietro la giunta che, come lei, ha dimostrato una quanto mai discutibile incompetenza amministrativa.

In ultimo le vorremmo evidenziare che il Presidente del Covevar, Alessandro Portinaro, aveva qualche tempo fa fornito i dati sul costo complessivo del servizio affermando che l’incidenza è di circa 100 € ad abitante; ma mentre in provincia il costo è sui 100€ nel nostro comune il costo, secondo l’ultimo piano finanziario approvato, è superiore ai 190€ ad abitante, quasi il doppio ed è evidente che qualcosa non funziona, sicuramente il vostro modo di prendere in carico le situazioni amministrative.

Auspico caro assessore che lei mi smentisca non per rivalsa politica ma bensì per una reale attenzione sulle pratiche stesse, le quali se correttamente interpretate porteranno reali benefici ai cittadini.

Concludo sperando che lei, caro assessore, torni all’antico ovvero che le interviste le scriva e non le rilasci a buon intenditor…

Locarni Gian Carlo

Responsabile nazionale dipartimento ambiente Lega Nord

VercelliOggi.it è e sarà sempre gratuito.

Per effettuare una donazione clicca: http://www. vercellioggi. it/donazioni. asp
Commenta la notizia su
 https://www. facebook. com/groups/vercellioggi  
Per leggere e commentare anche le principali notizie del Piemonte:
https://www.facebook.com/VercelliOggiit - 1085953941428506/?fref=ts

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
PiemonteOggi.it - Network ©
Iscrizione R.O.C. n° 23836 - Data ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2014 - Online dal 1 giugno 2009 - Direttore responsabile: Guido Gabotto
Editrice: "PIEMONTE OGGI SRL" - P.I./C.F. 02547750022 - Via F. Petrarca 39 - Vercelli - Tel. 0161 502068 - Fax 0161 260982
Mail: info@biellaoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.a.s - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it