VercelliOggi.it
Il primo quotidiano on line della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
24 September 2017 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
VercelliOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
12/05/2017 - Vercelli - Cultura e Spettacoli

VERCELLI - Le “Visioni dell’Anima” del pittore Enrico Colombotto Rosso in una mostra presso la galleria Nelson Cornici

VERCELLI - Le “Visioni dell’Anima” del pittore Enrico Colombotto Rosso in una mostra presso la galleria Nelson Cornici

Nato a Torino nel 1925 e morto a Camino nel 2013, Enrico Colombotto Rosso esprime autenticamente e senza condizioni la propria sensibilità e la propria immaginazione. La ricerca dell'artista si sviluppa attraverso immagini forti, spesso crude per i colori, gli accostamenti e le espressioni delle figure che raccontano il dramma interiore inconfessato dell'umanità; un’arte provocatoria, che vuole opporsi alla moralità della società e trasgredire, ma che al tempo stesso vuole indagare in profondità le emozioni umane, oltre che dell’artista stesso, animo tormentato e incompreso.

maestro ineguagliabile di un surrealismo onirico, visionario e drammatico in grado di condurre l’osservatore verso l’ignoto; pittore dell’anima, anticonformista e ribelle, che fa pensare alle “pitture nere” della Quinta del Sordo di Goya, icone delle inquietudini e delle tensioni del mondo contemporaneo”, osserva acutamente nelle sue note critiche il Prof. Massimo Paracchini, che ha curato l’allestimento della mostra. In effetti il filo conduttore della mostra si ispira al trionfo del male e alla tragica condizione umana, che Colombotto Rosso indaga con un vertiginoso affondo emotivo che lo porta ad analizzare le tematiche “noir” che caratterizzano le opere di Odilon Redon in una visione della realtà, che va oltre il sembiante, per cogliere personaggi d’incubo o sogno.

Colombotto Rosso dimostra nelle sue opere un grande interesse per la raffigurazione del corpo umano, ma non alla ricerca del bello e della perfezione, anzi: a stimolare la sua creatività  sono mani secche, nodose, scheletriche, nudi contorti, volti emaciati e sofferti. La rappresentazione di un’umanità disperata e macabra di sopravvissuti. «Tutto nella vita è morte» scriveva il grande pittore Egon Schiele, esponente di primissimo piano dell’espressionismo viennese, e nelle opere di Colombotto Rosso è palpabile l’atmosfera di morte e decadenza nello lo sguardo malinconico, perso nel vuoto, rassegnato delle figure, immobili in attesa di qualcosa di terribile che sta per accadere, e che spinge l’osservatore a riflettere sulla propria identità e interiorità.

Oltre a una ventina opere di grande impatto emozionale in mostra anche un interessante “libro d’artista”:  Si intitola Gattomanzia e raccoglie diciotto chine di Enrico Colombotto Rosso che interpreta la felinità del gatto col suo inconfondibile tratto; alle tavole si alternano poesie di Giovanni Tamburelli.

Una mostra da non perdere per apprezzare l’opera di un grande Maestro.

A Vercelli, presso la Galleria “Nelson Cornici” di via W.Manzone,  dal 6 al 27 maggio tutti i giorni tranne la domenica e il lunedì mattina

VercelliOggi.it è e sarà sempre gratuito.
Per effettuare una donazione clicca: http://www. vercellioggi. it/donazioni. asp
Commenta la notizia su
 https://www. facebook. com/groups/vercellioggi  
Per leggere e commentare anche le principali notizie del Piemonte:
https://www.facebook.com/VercelliOggiit - 1085953941428506/?fref=ts

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
PiemonteOggi.it - Network ©
Iscrizione R.O.C. n° 23836 - Data ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2014 - Online dal 1 giugno 2009 - Direttore responsabile: Guido Gabotto
Editrice: "PIEMONTE OGGI SRL" - P.I./C.F. 02547750022 - Via F. Petrarca 39 - Vercelli - Tel. 0161 502068 - Fax 0161 260982
Mail: info@biellaoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.a.s - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it