VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della regione Piemonte
Meteo.it
Borsa Italiana
22 April 2019 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
VercelliOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
05/02/2019 - Vercelli - Enti Locali

VERCELLI, IMPIANTO A BIOGAS IN AREA POLIOLI - Ecco cosa hanno raccontato Ferlin e Bombardieri a cinque Pubblici Ufficiali nell'esercizio delle proprie funzioni: qualche incontro con il Comune l'abbiamo fatto

VERCELLI, IMPIANTO A BIOGAS IN AREA POLIOLI - Ecco cosa hanno raccontato Ferlin e Bombardieri a cinque Pubblici Ufficiali nell'esercizio delle proprie funzioni: qualche incontro con il Comune l'abbiamo fatto

Occorre dapprima inquadrare la scena.

Oggi, in Amministrazione Provinciale di Vercelli, ore 17,30, ricevono i rappresentanti dell’Informazione locale cinque Pubblici Ufficiali nell’esercizio delle proprie funzioni.

Un particolare di importanza decisiva, per collocare nel contesto appropriato la narrazione che segue.

***

Si tratta del Presidente della Provincia di Vercelli, Carlo Riva Vercellotti, con Pier Mauro Andorno, Consigliere Provinciale.

Con loro Dirigenti e Tecnici dell’Ente: Piero Vantaggiato, Responsabile dell’Ambiente.

Con lui i suoi Collaboratori: Elena Zarantonello, che cura il segmento “Raccolta rifiuti” e Claudio Mombelli, responsabile delle procedure “Via” cioè Valutazione di Impatto Ambientale.

***

Da poco è terminata la riunione nel corso della quale tutti e cinque hanno ascoltato i rappresentanti di Polioli Bioenergy srl, la Società che vuole realizzare nel compendio ex Polioli un impianto di trattamento rifiuti dove lavorare circa 110 mila tonnellate di frazione organica dei rifiuti solidi urbani conferiti da Iren, da tutta la Pianura Padana (che contribuisce per 70 mila tonnellate), altri 20 mila da una Società di Parma, infine – per arrivare a 110 mila – rifiuti agroindustriali liquidi e solidi.

***

I rappresentanti di Polioli ricevuti alle 15,30 in Provincia sono Fabrizio Ferlini e Giacomo Bombardieri.

***

Sono loro ad avere chiesto l’incontro e la Provincia, poiché il tema scotta e… puzza anche, ha immediatamente organizzato, a valle dell’incontro, una conferenza stampa per riferire all’Opinione pubblica i contenuti della conversazione.

***

Che riassumiamo in questo modo.

Anzitutto: la pratica volta ad ottenere la Valutazione di impatto ambientale, preceduta da riunioni della cosiddetta “Conferenza dei Servizi” è stata protocollata a tutti gli Enti che siedono attorno a quel tavolo lo scorso 21 dicembre.

Tra questi Enti, naturalmente, con un ruolo primario, il Comune di Vercelli.

***

Che ruolo ha Iren in tutta la vicenda?

Questo: si è impegnata – è un requisito senza il quale la pratica non può essere esaminata dalla Conferenza dei Servizi.

Perché la fattispecie dev’essere concreta; non è che un soggetto possa dire, ad esempio: guardate, se mi date l’autorizzazione mi cerco i fornitori, se no amen.

Gli Enti Pubblici prendono in esame solo casi concreti e verificabili.

Dunque bisogna sapere che il 9 novembre 2018 Iren Ambiente, a firma del proprio Amministratore Delegato, Roberto Paterlini (cordata emiliana, vecchia scuola, come il Geom. Eros Morandi), scrive testualmente a Polioli:

Facendo seguito ai colloqui intercorsi, vi rappresentiamo quanto segue.

Abbiamo preso atto con favore della vostra intenzione di procedere all’autorizzazione ed alla realizzazione di un nuovo impianto di trattamento dei rifiuti organici, con produzione di biometano e compost di qualità.

La nostra azienda opera, fra l’altro, nel settore della FORSU ed è molto interessata alla possibilità di conferire tale materiale presso il vostro nuovo impianto.

Vi manifestiamo, quindi, l’interesse e la disponibilità a conferire presso il vostro impianto da realizzarsi in Comune di Vercelli i seguenti rifiuti:

·      FORSU indicativamente 70 mila tonnellate l’anno.

La validità del presente impegno è, in ogni caso, subordinata alla stipula di un accordo commerciale che potrà essere perfezionato solo a seguito dell’ottenimento da parte vostra delle necessarie autorizzazioni.

Ringraziando per la disponibilità, si porgono i più cordiali saluti”.

***

Questa la lettera di Iren.

Oggi le domande poste da Amministratori e Tecnici all’Impresa sono state molteplici.

Abbiamo intanto visto che la domanda è stata protocollata anche al Comune di Vercelli il 21 dicembre scorso.

Ma – meravigliati che una cosa del genere potesse essere stata paracadutata “all’insaputa” dei vertici di Palazzo Civico, è stato chiesto a Ferlin e Bombardieri: ma non avete preso contatti per presentare l’iniziativa?

Pazienza che non lo abbiate fatto con la Provincia, ma con il Comune “ospitante”.

Dopo qualche momento di incertezza, i Responsabili di Polioli hanno detto: qualche incontro con il Comune l’abbiamo fatto.

***

Come anticipato, hanno ascoltato cinque Pubblici Ufficiali nell’esercizio delle proprie funzioni.

In secondo luogo, poiché il gas (sia pure bio) per essere distribuito deve essere immesso nella rete, è ovvio che la cosa dipenda da Atena – Asm.

Con la quale gli Imprenditori hanno detto di avere preso contatti, per essere poi dirottati ad Iren.

Hanno ascoltato cinque Pubblici Ufficiali nell’esercizio delle proprie funzioni.

***

Infine, da molti giorni rumors attendibili da Palazzo Civico dicono di un sopralluogo presso l’impianto di biogas che in Trentino è di proprietà di Cesaro Mac Import.

Sopralluogo che sarebbe stato esperito nei mesi scorsi dal Sindaco Maura Forte unitamente al Dirigente Pino Scaramozzino.

Alla domanda, gli Imprenditori hanno risposto evasivamente: noi non c’eravamo.

Si narra – sono rumors – che, per una singolare combinazione, proprio nel giorno in cui si dice Sacarmozzino e Forte siano andati in Trentino, l’impianto avesse subito un’avaria, per cui se ne sarebbero usciti avendo assorbito e, perciò, a loro volta, emanando un grave e greve olezzo.

Non sarà difficile appurare il giorno della visita, poiché è chiaro che, mentre il Sindaco non deve rendere conto a nessuno – dal punto di vista amministrativo – di come passi il proprio tempo, Pino Scaramozzino debba invece (eventualmente: ripetiamo che sono rumors) collocarsi o in missione, oppure – se crede – in ferie.

Ma sarebbero poi gli stessi gestori dell’impianto a dover rendere conto della dinamica delle visite.

***

Infine, i Dirigenti della Provincia hanno chiaramente illustrato ai proponenti che i volumi di lavorazione degli impianti attualmente esistenti esauriscono già ora ampiamente il fabbisogno del territorio: la domanda è saturata sia a livello provinciale, sia a livello regionale.

Ci lavoriamo da soli negli esistenti impianti di biogas tutta la Forsu che produciamo.

Il nuovo impianto Polioli, quindi, altro non farebbe che portare qui rifiuti da tutta la Pianura Padana.

***

Ma i Dirigenti Polioli hanno anche tentato di argomentare: potremmo fornire biogas per le esigenze di Amazon e dei nuovi insediamenti francesi.

Si vede che, forse, loro – a proposito delle iniziative lionesi a Vercelli – sanno qualcosa che nessun’altro sa, a partire dai fabbisogni di gas di realtà produttive che nessuno sa nemmeno chi siano.

***

Una storia che si presta e richiede un esame approfondito, secondo diverse sfaccettature.

 


NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
PieomonteOggi.it - Network © - Blog
Tribunale di Vercelli, n. 3/2009
Piemonte Oggi s.r.l. - P.I./C.F. 02547750022 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@piemonteoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it